Casa di Cura San Rossore

Le nostre specialità

Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva

Specialisti di Riferimento

Responsabile: Dott.ssa Maria Grana.

Anestesia:

Principali tecniche di anestesia e di sedazione:


  •  Anestesia generale
  • Anestesia loco regionale: blocchi centrali e periferici
  • Partoanalgesia
  •  Terapia del dolore post operatorio
  •  Attività di sedazione profonda per la diagnostica invasiva gastroenterologia e per le tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Anestesia Generale:

Tecniche anestetiche:

  • Anestesia generale. Si induce attraverso l’utilizzo di farmaci ipnotici e analgesici somministrati per via endovenosa, seguiti da un mantenimento tramite farmaci inalatori o endovenosi. Sovente  i pazienti in anestesia generale vengono immobilizzati con farmaci miorilassanti e necessitano quindi di un supporto completo della funzione respiratoria tramite ventilatori artificiali. Al termine dell’intervento l’azione di questi farmaci viene antagonizzata e l’anestesia alleggerita fino al completo recupero da parte del paziente dell’autonomia ventilatoria. I pazienti vengono quindi trasferiti in un’area di risveglio, da dove vengono dimessi per tornare in reparto nel momento in cui si verifica un completo recupero della coscienza e dell’omeostasi cardiorespiratoria.
  • Anestesia loco-regionale. Esistono molte tecniche di anestesia loco-regionale. Le più utilizzate sono l’anestesia spinale e l’anestesia epidurale. Queste tecniche prevedono l’iniezione di anestetici locali all’interno del sacco durale o nello spazio epidurale con blocco delle fibre nervose che portano informazioni dolorose dalla periferia al sistema nervoso centrale. Le anestesie spinali ed epidurali vengono effettuate singolarmente per interventi sugli arti o sul basso addome, mentre per interventi sull’alto addome vengono abitualmente associate a una sedazione per il comfort del paziente. Generalmente l’anestesia epidurale prevede  il posizionamento di un catetere che consente di infondere anestetici locali e analgesici per i primi giorni dopo l’intervento, ottimizzando il controllo del dolore e quindi il recupero funzionale del paziente dopo l’operazione.
  • Blocchi periferici. È una tecnica utilizzata per le procedure ortopediche che coinvolgono le estremità.
  • Anestesia locale. Molti interventi chirurgici, come gli interventi oculistici o interventi in day hospital, vengono invece effettuati con un’anestesia locale tramite infiltrazione diretta di miscele anestetiche nel punto di ferita. Abitualmente si associa una sedazione più o meno profonda per dare risultati migliori.


Trattamento del dolore acuto postoperatorio 

L’intervento chirurgico si accompagna sempre a dolore sia in sede di ferita sia in zone distanti dalla ferita stessa.

Trattare il dolore acuto postoperatorio, oltre che per motivi etici, nasce dall’osservazione che esso si accompagna a cambiamenti fisiopatologici a carico di organi e apparati, i quali possono esporre il paziente a diverse complicanze.
Tale servizio ha quindi un’importanza fondamentale perché riduce le problematiche postoperatorie e accelera la ripresa del paziente, diminuendo le giornate di degenza.

Un adeguato trattamento del dolore non può essere raggiunto senza il continuo monitoraggio del paziente e la stretta collaborazione tra personale medico e infermieristico.
Il modello organizzativo adottato dalla Casa di Cura San Rossore prevede la cooperazione tra le seguenti figure professionali:

  • L’anestesista applica i protocolli, effettua il controllo di qualità, valuta i benefici e gli effetti collaterali e valuta il dolore del paziente.
  • infermiere di degenza : controlla i parametri vitali, somministra la terapia e rileva l’entità del dolore.

Servizio di Partoanalgesia

Il dolore da parto è molto intenso: curare il dolore del travaglio di parto può contribuire non solo a migliorare la qualità di vita della futura madre, ma anche a ridurre gli effetti che il dolore stesso provoca sull’unità materno-fetale.
Il parto è diviso in tre momenti, denominati fase dilatativa, fase espulsiva e fase del secondamento. Il dolore che lo accompagna può essere descritto come bifasico. La fase dilatativa è caratterizzata da un dolore intermittente, mal localizzabile, sincrono con le contrazioni uterine, che aumenta con la progressiva dilatazione della cervice uterina.
Con la progressione del travaglio, l’approssimarsi della fase espulsiva e la discesa della parte presentata, il dolore diventa più localizzato e più intenso: la paziente lo avverte in sede pelvica, vaginale e perineale.
Scopo dell’analgesia epidurale è quello di togliere la sensazione dolorosa;
La puntura epidurale, eseguita a livello intervertebrale lombare, può essere praticata in qualsiasi paziente consenziente nella quale non esistano controindicazioni cliniche.
L’anestesista posizione il catetere epidurale e inizia la somministrazione di farmaci: le contrazioni a poco a poco appariranno meno dolorose fino a essere percepite come senso di pressione.
La riduzione del dolore non implica una paralisi muscolare, pertanto la donna può muoversi e camminare.
Il catetere epidurale può essere sfruttato per fare una anestesia epidurale per un eventuale taglio cesareo, somministrando una dose più concentrata di farmaco anestetico.


Attività Clinica


Caratteristiche:

Dispone di 3 sale operatorie e una sala parto dotate di apparecchi di anestesia con sistema di ventilazione automatica e monitoraggio continuo cardiocircolatorio e respiratorio, un’area di risveglio e preparazione del paziente.

Rianimazione- Terapia Intensiva :

PRINCIPALI TRATTAMENTI

  • Trattamento intensivo di pazienti critici, in particolare:
    • trattamento dell’insufficienza respiratoria;
    • trattamento dell’insufficienza cardiocircolatoria (shock settico, ipovolemico e cardiogeno);
    • trattamento farmacologico/dialitico dell’insufficienza renale acuta associata a patologie cardiocircolatorie, respiratorie o stati settici;
  • Monitoraggio intensivo delle funzioni vitali di pazienti chirurgici e post-chirurgici
  • Assistenza/sedazione presso il Servizio di Radiologia convenzionale (assistenza durante l’introduzione di mezzo di contrasto in pazienti allergici)
  • Assistenza/sedazione presso il Servizio di Endoscopia

Il Servizio di Anestesia utilizza protocolli di trattamento basati sulle principali linee guida nazionali e internazionali.


Caratteristiche:

4 letti di degenza attrezzati per il monitoraggio emodinamico completo, con sistema d’assistenza respiratoria meccanica in grado di assicurare varie forme di ventilazione e sistemi di pompe infusionali per somministrare in modo preciso farmaci e sostanze nutrizionali.


Numeri utili:

Caposala Saida Kraich 050 586404


Per informazioni sulla prenotazione cliccare qui


Articoli relativi a Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva


 

I nostri specialisti in Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva

  • Foto Dott.ssa Maria Grana

    Dott.ssa Maria Grana


    Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva
  • Foto Dott. Tommaso Mazzanti

    Dott. Tommaso Mazzanti


    Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva
  • Foto Dott.ssa Elena Viegi

    Dott.ssa Elena Viegi


    Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva
  • Foto Dott. Marco Oleggini

    Dott. Marco Oleggini


    Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva; Terapia del Dolore
  • Foto Dott.ssa Chiara Pagliaro

    Dott.ssa Chiara Pagliaro


    Anestesia, rianimazione e terapia intensiva
  • Foto Dott. Giuseppe Arcidiacono

    Dott. Giuseppe Arcidiacono


    Anestesia, rianimazione e terapia intensiva